Stampa Pagina

Benvenuti nel regno di Marcantonio e Cecca!

Marcantonio e Cecca (Disegno di Giorgio Perrone)

Il carnevale è una delle tradizioni più antiche della città di Varallo (Valsesia), in provincia di Vercelli. Le manifestazioni si svolgono ogni anno tra gennaio e marzo: in questo periodo la città è governata dalla maschera Marcantonio Carlavèe e dalla sua consorte Cecca, che organizzano feste, balli e cene per rallegrare i sudditi e portare gioia e solidarietà a tutti i cittadini, soprattutto bambini e anziani. Il carnevale di Varallo inizia ogni anno il 6 gennaio (giorno dell’Epifania) con la sfilata della “Veggia Pasquetta” e si conclude il mercoledì delle ceneri (giorno di inizio della Quaresima) con il Processo a Marcantonio e il rogo. La Paniccia è il piatto tipico del Carnevale: un ricco minestrone di riso e verdure cotto sul fuoco dentro grandi pentoloni. Questo pasto, semplice e sostanzioso, viene preparato il Martedì Grasso e poi distribuito alla popolazione secondo l’antico spirito filantropico e solidale che un tempo garantiva un piatto caldo a tutti, soprattutto poveri e carcerati.


PROGRAMMA COMPLETO CARNEVALE DI VARALLO 2015

Sfoglia il programma per conoscere in dettaglio tutti gli appuntamenti del Carnevale 2015!


SIMONE ROBICHON HA DECISO DI LASCIARE I PANNI DI MARCANTONIO
IN UNA LETTERA IL SUO SALUTO E GRAZIE AI VARALLINI DOPO TRE ANNI

 Varallo, 18 febbraio 2015

 Carissimi varallini,

Sono passati tre anni da quando il presidente del Comitato Carnevale di Varallo, con una sorpresa inaspettata, mi ha chiesto di impersonare la figura della nostra amata maschera del Carnevale di Varallo: ancora oggi ricordo quel momento con molto piacere, perché si avverava un piccolo sogno che ormai era stato chiuso in un cassetto! Dopo tre anni di gioie, soddisfazioni, sorrisi, emozioni e un po’ di malinconia mi piace tracciare alcune conclusioni al termine della meravigliosa esperienza che mi ha portato a vestire i panni di Marcantonio Carlavèe.

GRUPPO MASCHERATO 2015

Ringrazio il mio presidente Roberto Bossi, il vice presidente Matteo Uffredi, tutto il mio Comitato perché sono riusciti con tanto lavoro e dispendio di energie a riportare al Teatro Civico, cuore pulsante della nostra città, due avvenimenti molto importanti per la nostra Varallo e per il nostro Carnevale: il ballo della Cecca, dopo quindici anni di assenza, e il Bal d’la Lum che ha raggiunto quest’anno la sua 140° edizione con uno straordinario successo (600 partecipanti). Ringrazio il Presidente della Paniccia Luciano Gatti e tutti i cuochi perché durante il nostro cammino insieme abbiamo festeggiato i settantacinque anni della cottura della Paniccia in Piazza San Carlo con un bellissimo annullo filatelico. Grazie a Simone Mancini, mio Gran Ciambellano e fido collaboratore per tre anni, a tutti i ragazzi che hanno fatto parte dei miei gruppi mascherati e alle mie tre regine, le Cecche Francesca Foresto, Domiziana Saccu e Claudia Fila: ognuna di loro ha saputo dare un valore aggiunto ai miei Carnevali. Grazie a tutte le maschere rionali e frazionali che ho incontrato e conosciuto durante il mio viaggio: è stato un onore. Grazie anche agli amici e al Carnevale di Aranco. Un saluto speciale va al Peru Magunella e alla sua Gin, ma anche a tutto il Comitato carnevale di Borgosesia, sempre cordiale, amichevole e disponibile nei miei confronti. Grazie alla mia famiglia, a mia moglie Valentina e al piccolo Leonardo, che mi hanno supportato e sopportato durante questi tre anni. E infine grazie a voi Varallini: impersonare il nostro Marcantonio, credetemi, non è stato semplice e accontentare tutti purtroppo non è mai così facile, ma io ce l’ho messa tutta, l’ho fatto col cuore e mi auguro di essere riuscito almeno una volta a portare un sorriso nelle vostre case e nei vostri cuori. Grazie per l’affetto che mi avete dimostrato, spero e mi auguro di essere stato all’altezza dell’incarico, sono orgoglioso di aver vestito i panni della nostra amata maschera, sono felice di avere condiviso con tutti voi bambini, anziani, ragazzi disabili, insomma veramente tutti, questa magnifica esperienza. Mi avete insegnato molto, ma adesso mi sembra giusto passare lo scettro a qualcun altro, credo e penso che altri debbano provare le stesse emozioni e le stesse sensazioni che ho provato io, perché ricordate che il Carnevale non è cosa da poco, ma tradizione che vale.

Addio Dughi, addio Falchetti, il vostro Marcantonio Simone per l’ultima volta vi saluta…

Grazie di cuore a tutti!

 

Simone Robichon
Marcantonio 2013-2014-2015

 


Il carnevale di Varallo 2015 si prepara alla conclusione
Grande attesa per il Bal d’la Lum proposto al teatro Civico

BAL D'LA LUM 2015 VARALLOCon l’arrivo della Giobbiaccia il Carnevale di Varallo 2015 si avvia verso la sua conclusione. E se le manifestazioni dei prossimi giorni saranno certamente le più significative, poiché sono gli appuntamenti maggiormente legati alla storia e alla tradizione, i riflettori sono puntati sull’evento che per il Comitato carnevale varallese è una vera e propria sfida: il Bal d’la Lum nella sua nuova location al teatro Civico di Varallo.

Il grande veglione mascherato in calendario per lunedì 16 febbraio quest’anno festeggerà la sua 140a edizione e, come ampiamente preannunciato, lascerà la sua sede alla discoteca Igloo per essere trasferito nel cuore della città, nel teatro affacciato su piazza Vittorio Emanuele.

Sono grandi le aspettative dei volontari del Comitato per un ballo che vuole tornare ad essere una delle manifestazioni principali del Carnevale, con un coinvolgimento di tutta la città e che possa funzionare anche come traino commerciale per bar e ristoranti. Infatti, sarà riproposta l’iniziativa “Mascherato è scontato”: chi si presenterà la sera del ballo in costume nei locali aderenti avrà diritto a sconti per il “Cocktail d’la Lum” a 4 euro e al “Menu d’la Lum” al prezzo convenzionato di 15 euro. Ogni locale sceglierà come personalizzare la proposta, lasciando però il prezzo invariato. E anche il biglietto di ingresso al ballo è stato abbassato a 12 euro in un’ottica di maggiore coinvolgimento, soprattutto dei più giovani. A causa dello spazio limitato del teatro gli ingressi sono ad esaurimento fino a 500 posti, per questo sarà importantissimo acquistare il biglietto in prevendita. Suoneranno due giovani dj valsesiani già noti in zona (dj Delpo e Dj Zigno) che si alterneranno alla consolle per tutta la notte, a partire dalle 22 e fino alle 4.

Sarà possibile acquistare i biglietti in prevendita al botteghino del teatro Civico giovedì 12 febbraio dalle ore 17.30 alle 19.30, sabato 14 febbraio dalle ore 15 alle 17, lunedì 16 febbraio dalle ore 17 alle 18.30.

E con la Giobbiaccia si apre l’ultima settimana, la più intensa della kermesse varallese. Giovedì 12 febbraio si svolgerà, come tradizione dal 1866, la “Giornata dla Giobbiaccia” con la distribuzione della “canzun” dialettale composta appositamente e poi distribuita per raccogliere fondi da devolvere in beneficienza. Quest’anno sarà il 23° anno in cui la “canzun” è composta da Foffu, al secolo Adolfo Pascariello. Al mattino si svolgerà al cine-teatro di Sottoriva lo spettacolo con tutti i bambini delle scuole elementari. Sabato 14 febbraio le maschere saranno a Casa Serena per la visita ai “nonni” della struttura, poi ci sarà la paniccia a Valmaggia. Al pomeriggio invece ci sarà la raccolta della legna dei Dughi di Varallo Vecchio. Domenica mattina 15 febbraio prestissimo inizierà il giro di saluti alla panicce in alta Valsesia e nelle frazioni di Varallo: Marcantonio, Cecca e tutto il gruppo mascherato porteranno i loro saluti alle panicce di Rossa, Vocca, Nosuggio, Brugarolo, Sabbia, Crevola, Locarno, Roccapietra e Varallo Vecchio. Al pomeriggio a partire dalle 14 all’oratorio Sottoriva si svolgerà poi il tradizionale ballo dei bambini, con balli, divertimento e merenda per tutti. Lunedì 16 febbraio, lunedì grasso, al mattino è in programma il saluto all’Anffas di Varallo, mentre alle 14.30 dal ponte Antonini partirà la Raccolta della Legna, la tradizionale e antichissima passeggiata fino alla frazione Crevola, dove verrà recuperata la legna per la cottura della paniccia il giorno seguente. Il corteo, aperto dal “Marcantonio dei Salami” (un’antichissima sagoma di legno che raffigura un uomo imbruttito dalle bisbocce carnevalesche) dopo numerose tappe arriverà infine in piazza San Carlo dove verrà distribuita la tanto attesa “micca ‘nsucràa”. Alla sera al teatro Civico si svolgerà quindi il Bal d’la Lum. Dopo una notte di festa, il carnevale toccherà il suo apice martedì 17 febbraio con la preparazione in piazza San Carlo della Paniccia, la più antica tradizione carnevalesca varallese. I fuochi sotto i pentoloni saranno accessi alle ore 6, mentre alle 11.30 avverrà la benedizione e la distribuzione. Seguirà il tradizionale pranzo conclusivo del carnevale all’albergo Italia (prenotazioni direttamente in albergo entro mezzogiorno di lunedì). Ultimo appuntamento del carnevale 2015 sarà mercoledì delle ceneri con il tradizionale “Processo a Marcantonio”. Lo spettacolo teatrale si svolgerà al Civico alle ore 21. La commedia quest’anno sarà caratterizzata da diverse novità, con un cambio creativo nella stesura dello spettacolo: nato da un’idea di Christian Pianori e Francesco Alberti, il Processo si intitolerà “Marcantreno… se ne va!” e avrà la regia firmata nuovamente da Massimo Genova, storico regista nonché “Lum d’argento” del Carnevale varallese. Ingresso 10 euro e prevendita biglietti al botteghino del teatro Civico negli stessi giorni e orari del Bal d’la Lum. Lo spettacolo sarà replicato sabato 21 febbraio sempre alle ore 21, e nella stessa serata avverrà la consegna della “Lum d’argento 2015” prestigioso riconoscimento istituito dal Carnevale varallese.


La Cecca 2015 ha il sorriso di Claudia Fila

Articolo di Maria Cuscela pubblicato sul quotidiano “La Stampa” dell’11 gennaio

Incoronazione della Cecca 2015 Claudia Fila

Bella, dolce, raffinata, determinata e creativa: sono solo cinque degli aggettivi che descrivono Claudia Fila, la Cecca 2015 di Varallo. Il volto coperto da una maschera bianca, accompagnata da Marcantonio (Simone Robichon), dal Gran Ciambellano (Simone Mancini) e dal seguito al completo, la regina di Varallo è arrivata ieri sera al teatro Civico su un’auto d’epoca cabriolet, e ballando sulle note di «Happy» e «Moon River» (Colazione da Tiffany è uno dei suo film preferiti) è salita sul palco dove è stata svelata la sua identità.

Che Claudia Fila, 27 anni (nel 2013 fa aveva fatto la damigella all’allora Cecca Francesca Foresto), abbia il carnevale nel dna nel sangue non è un luogo comune: suo papà Roberto dal 1990 al 1995 ha vestito i panni del Marcanotonio. «E mia mamma ha sempre adorato travestirsi durante il carnevale – dice Claudia Fila -. Sono cresciuta nel rione Belvedere con le maschere Rondone e Rondinella, sento i profumi della paniccia da quando ero piccolissima. I miei genitori mi hanno trasmesso in pieno lo spirito del carnevale».

Anche il suo fidanzato, Gianni Nettis, presidente della Pro loco Varallo (associazione di cui Claudia fa parte) è parte attiva del carnevale cittadino e sarà tra gli interpreti il 18 e il 21febbraio, che vede nel cast la stessa Cecca, dello spettacolo teatrale legato al processo a Marcantonio. Claudia Fila, che ha un fratello maggiore che si chiama Massimo, di professione fa la restauratrice: tra le opere che ha collaborato a restaurare figurano la chiesa di Santa Barbara al Cucco di Varallo e recentemente la decorazione di Villa Nigra a Miasino, in provincia di Novara. Per hobby ama dipingere e alcuni dei suoi quadri hanno già trovato spazio in una mostra collettiva allestita un paio di anni fa a Varallo. «Vorrei trasmettere – commenta – emozioni che facciano parte di tutti. Il carnevale è la nostra tradizione e siamo tutti protagonisti allo stesso modo, ognuno deve sentirsi partecipe, i bambini sono l’animo, agli anziani possiamo regalare un sorriso, tutti possiamo dare qualcosa».

PHOTO GALLERY COMPLETA DEL BALLO CLICCANDO QUI


Il Carnevale di Varallo 2015 è pronto al debutto
Il 6 gennaio il rogo della Veggia Pasquetta
Il 10 gennaio il Gran Ballo della Cecca al Teatro Civico

Carnevale Varallo 2015

Sale l’attesa per il Gran Ballo della Cecca, uno degli appuntamenti più importanti del Carnevale di Varallo con la presentazione della nuova “regina”.

Il Calendario degli appuntamenti del Carnevale di Varallo 2015 si apre con la Veggia Pasquetta, in programma ogni anno il 6 gennaio, ma l’evento “clou” che dà il via ufficiale al regno di Marcantonio è il Ballo della Cecca quest’anno in programma sabato 10 gennaio e al quale è dedicata anche la copertina del depliant degli appuntamenti (qui a lato un’anteprima), opera dell’artista del carnevale Giorgio Perrone. Per la serata sarà il terzo anno al teatro Civico, trasformato per l’occasione da teatro a sala da ballo. In città sono già molti i nomi di ragazze “papabili” che vengono avanzati, ma la conferma si avrà soltanto sabato sera, quando la Cecca verrà presentata sul palco del Teatro Civico alle ore 23; alle 23.30 la nuova regina si affaccerà dalla balconata per teatro per un saluto.

Il programma della serata prevede l’apertura delle danze alle ore 21.30. Suonerà la grande orchestra Santino Rocchetti, un gruppo che proporrà un variegato programma musicale con da liscio, revival e disco music. Marcantonio e Cecca sfileranno a bordo di un’auto d’epoca, partendo dalla sede del Comitato Carnevale in via D’Adda e scendendo in via Umberto fino al teatro Civico. È possibile acquistare i biglietti di ingresso al ballo in prevendita, fissata al botteghino del teatro Civico per mercoledì 7 gennaio dalle ore 18 alle 19.30, venerdì 9 gennaio dalle ore 18 alle 19.30 e sabato 10 gennaio dalle ore 10.30 alle 12. Il Comitato consiglia di acquistare il biglietto in prevendita per evitare la coda all’ingresso; tuttavia sarà possibile acquistare i biglietti di ingresso anche la sera stessa del ballo. Il biglietto di ingresso è fissato in 25 euro, prezzo che include 1 consumazione e il guardaroba custodito. Sono ancora disponibili alcuni tavolini riservati al costo di 30 euro.

Per il terzo secondo anno l’interprete di Marcantonio sarà Simone Robichon, mentre Simone Mancini sarà il Gran Ciambellano. Il Capo delle guardie è Fiorenzo Casagrande, mentre le guardie sono: Francesco Giannattasio, Matteo Curri, Jacopo Zanini, Carlo Olgiati. Le damigelle, che debutteranno sabato sera insieme alla nuova Cecca, sono: Giulia Bolzoni, Adele Intini, Corinna Gualdi, Marta Robichon.


Gallery sulla Veggia Pasquetta (dal quotidiano La Stampa)

Permalink link a questo articolo: http://www.carnevalevarallo.com/