Stampa Pagina

Benvenuti nel regno di Marcantonio e Cecca!

Marcantonio e Cecca (Disegno di Giorgio Perrone)
Il carnevale è una delle tradizioni più antiche della città di Varallo (Valsesia), in provincia di Vercelli. Le manifestazioni si svolgono ogni anno tra gennaio e marzo: in questo periodo la città è governata dalla maschera Marcantonio Carlavèe e dalla sua consorte Cecca, che organizzano feste, balli e cene per rallegrare i sudditi e portare gioia e solidarietà a tutti i cittadini, soprattutto bambini e anziani. Il carnevale di Varallo inizia ogni anno il 6 gennaio (giorno dell’Epifania) con la sfilata della “Veggia Pasquetta” e si conclude il mercoledì delle ceneri (giorno di inizio della Quaresima) con il Processo a Marcantonio e il rogo. La Paniccia è il piatto tipico del Carnevale: un ricco minestrone di riso e verdure cotto sul fuoco dentro grandi pentoloni. Questo pasto, semplice e sostanzioso, viene preparato il Martedì Grasso e poi distribuito alla popolazione secondo l’antico spirito filantropico e solidale che un tempo garantiva un piatto caldo a tutti, soprattutto poveri e carcerati.


LUNEDì 8 FEBBRAIO 2016 TORNA IL BAL D’LA LUM AL TEATRO CIVICO
QUEST’ANNO AL VEGLIONE MASCHERATO LIVE MUSIC CON I “DISCOINFERNO”

BAL D'LA LUM CARNEVALE VARALLO 2016

Per il secondo anno il BAL D’LA LUM infiammerà il teatro Civico di Varallo.  Dopo il grande successo dello scorso anno, il Comitato Carnevale ha deciso di riproporre il veglione mascherato nel teatro cittadino, aggiungendo per questa edizione gustose novità, a partire dalla musica. Oltre al consueto Dj set (confermati Dj Zigno e Dj Delpo) ci sarà un’esibizione live di uno dei gruppi tra i più famosi della disco music: i DISCOINFERNO, cover-band tra le più quotate in Italia, che proporrà un repertorio di brani pop Anni ’70 e ’80 per arrivare fino alle hits degli Anni ’90. I DISCOINFERNO, formatasi nel 1997, proporranno uno spettacolo realizzato più di 1.300 volte in tutta Italia: si tratta di uno show di musica dal vivo che ripercorre la grande epopea della Discomusic dalla metà degli anni Settanta fino all’avvento della Disco, in un crescendo ricco di citazioni, medleys a tema, remakes, stili ed espressioni tipiche dell’epoca miscelate alle sonorità e a un’immagine di forte impatto scenografico.
Il Bal d’la Lum si svolgerà la sera del lunedì grasso, 8 febbraio, a partire dalle 22.30. Ad inaugurare la serata saranno i dj, che prepareranno la platea per l’esibizione dei DISCOINFERNO che inizierà a mezzanotte per due ore di concerto tutto da ballare. Dalle 2 alle 4 torneranno i Dj che si alterneranno con un repertorio di musica dance commerciale e contemporanea.
Come sempre sono previsti ricchi premi per il miglior travestimento di gruppo e per il costume singolo più originale. Novità di quest’anno sarà anche l’allestimento di un SELFIE CORNER dove sarà possibile stampare le proprie foto a ricordo della serata. L’ingresso costa 12 euro ed è possibile acquistare i biglietti in prevendita (fino ad esaurimento). La prevendita è in programma al botteghino del teatro Civico nei seguenti giorni e orari: giovedì 4 febbraio dalle ore 18 alle 19; sabato 6 febbraio dalle ore 15 alle 17; lunedì 8 febbraio dalle ore 18 alle 19.30 (l’ingresso non è consentito ai minori di 16 anni).


PROGRAMMA COMPLETO CARNEVALE DI VARALLO 2016

Sfoglia online il programma completo e in dettaglio di tutti gli appuntamenti del Carnevale 2016


PRESENTATA LA NUOVA CECCA: E’ GLORIA SURICO
IL DEBUTTO DURANTE IL GRAN BALLO AL TEATRO CIVICO

Marcantonio e Cecca 2016 Gianluca Zandotti e Gloria Surico

Gloria Surico, 27 anni, agente di assicurazioni: è lei la nuova Cecca, la regina del carmevale di Varallo. E’ stata presentata durante il Gran Ballo in suo onore sabato 9 gennaio al teatro Civico, l’appuntamento che tradizionalmente rappresenta l’entrata in scena della consorte di Marcantonio. Residenta a Varallo, la ragazza ha già fatto parte del gruppo di damigelle delle maschere.

Anche per Gianluca Zandotti, il nuovo Marcantonio, il ballo è stato un debutto: era infatti la prima uscita nelle vesti del re del carnevale varallese. Domenica 10 gennaio è poi avvenuta la “Carnevalaa n’tla stra” con la consegna delle chiavi della città di fronte a maschere dei rioni, delle frazioni e degli altri centri della Valsesia.

La foto ufficiale delle nuove maschere varallesi, realizzata dal fotografo professionista varallese Alessandro Dealberto, è stata scattata nella nuova sala della Pinacoteca di Varallo che ospita la collezione Remogna.

 


PRESENTATO IL PROGRAMMA DEL CARNEVALE 2016
IL TEMA PORTANTE SARA’ IL 150° DELLA GIOBBIACCIA

CARNEVALE_VARALLO_2016_GIORGIO_PERRONE

E’ il 150° della “Cansun d’la Giobbiaccia” il tema portante del libretto che raccoglie tutti gli eventi dell’edizione 2016 del Carnevale di Varallo la cui copertina, come da tradizione, è illustrata “dell’artista di corte” Giorgio Perrone. Il programma dell’evento è stato presentato ufficialmente come pure il nuovo gruppo mascherato composto da Gianluca Zandotti (Marcantonio), Diego Giacobino (gran Ciambellano), Fiorenzo Casagrande (capo delle guardie), Luca Patrioli, Carlo Olgiati, Iacopo Zanini e Matteo Curri (guardie), Annalisa Costadone, Arianna Sommacal, Erika Vivone e Marianna Calzoni (damigelle).

L’edizione 2016 del carnevale varallese prenderà il via mercoledì 6 gennaio con la giornata della “Veggia Pasquetta”: al pomeriggio il corteo dei “Dughi” sfilerà fino in piazza Vittorio dove avverrà la lettura del testamento. La giornata, allietata da musica e animazioni, si concluderà con il rogo della Veggia Pasquetta sul greto del Mastallone.

Sabato 9 gennaio, al teatro Civico, “Gran ballo della Cecca” durante il quale si svelerà la misteriosa identità della nuova regina del carnevale. I “reali” faranno il loro arrivo al ballo su una macchina d’epoca e, dopo la presentazione ufficiale della Cecca, manderanno dalla balconata del Civico il loro saluto alla città.

Domenica 10 gennaio, “Carnevalaa n’tla stràa” e consegna delle chiavi da parte del sindaco a re Marcantonio. All’evento saranno presenti le maschere dei rioni, frazioni di Varallo e della Valsesia e, ospiti speciali, altri carnevali del Piemonte.

Sabato 16 gennaio, “Coriandoli d’argento”, pomeriggio danzante al teatro Civico.

Si proseguirà sabato 23 gennaio, nel grande salone dell’Albergo Italia, con la “Cena d’là Pignatta” dove sarà presentata in anteprima la “Cansun d’là Giobbiaccia 2016” firmata per la prima volta da Christian Pianori e Daniele Conserva e distribuita, per l’occasione, la stampa da collezione illustrata per il quinto anno da Giovanni Delzanno.

Sabato 30 gennaio al teatro Civico “Serata culturale” dedicata al 150° della canzone e il 4 febbraio “Giurnàa d’la Giobbiaccia”.

Domenica 7 febbraio “Ballo dei bambini” all’oratorio e lunedì 8 “Giouràa d’la legna”: a Crevola, sarà intitolata una via al poeta dialettale Varchiggiu. La giornata si concluderà in serata con il “Bal d’la lum” nuovamente proposto al teatro Civico.

Martedì 9 febbraio, la Paniccia in piazza San Carlo e mercoledì 10, a conclusione del periodo di carnevale, il “Processo a Marcantonio” in replica il sabato 13 febbraio co consegna della Lum d’Argento.

 


È GIANLUCA ZANDOTTI IL NUOVO MARCANTONIO

Gianluca-Zandotti-e-il-nuovo-Marcantonio-di-VaralloE’ Gianluca Zandotti il nuovo Marcantonio di Varallo.

Riceve il testimone da Simone Robichon, tre edizioni da protagonista, e avrà la sua prima uscita ufficiale in occasione del Ballo della Cecca del 10 gennaio.

Il carnevale 201​6​ ​sarà tra i più brevi degli ultimi anni: ​inizierà come di consueto il 6 gennaio per concludersi il mercoledì delle ceneri, che cadrà il 10​  febbraio.

 


SIMONE ROBICHON LASCIA I PANNI DI MARCANTONIO
IN UNA LETTERA IL SUO SALUTO E GRAZIE DOPO TRE ANNI

Varallo, 18 febbraio 2015

Carissimi varallini,

Sono passati tre anni da quando il presidente del Comitato Carnevale di Varallo, con una sorpresa inaspettata, mi ha chiesto di impersonare la figura della nostra amata maschera del Carnevale di Varallo: ancora oggi ricordo quel momento con molto piacere, perché si avverava un piccolo sogno che ormai era stato chiuso in un cassetto! Dopo tre anni di gioie, soddisfazioni, sorrisi, emozioni e un po’ di malinconia mi piace tracciare alcune conclusioni al termine della meravigliosa esperienza che mi ha portato a vestire i panni di Marcantonio Carlavèe.

GRUPPO MASCHERATO 2015

Ringrazio il mio presidente Roberto Bossi, il vice presidente Matteo Uffredi, tutto il mio Comitato perché sono riusciti con tanto lavoro e dispendio di energie a riportare al Teatro Civico, cuore pulsante della nostra città, due avvenimenti molto importanti per la nostra Varallo e per il nostro Carnevale: il ballo della Cecca, dopo quindici anni di assenza, e il Bal d’la Lum che ha raggiunto quest’anno la sua 140° edizione con uno straordinario successo (600 partecipanti). Ringrazio il Presidente della Paniccia Luciano Gatti e tutti i cuochi perché durante il nostro cammino insieme abbiamo festeggiato i settantacinque anni della cottura della Paniccia in Piazza San Carlo con un bellissimo annullo filatelico. Grazie a Simone Mancini, mio Gran Ciambellano e fido collaboratore per tre anni, a tutti i ragazzi che hanno fatto parte dei miei gruppi mascherati e alle mie tre regine, le Cecche Francesca Foresto, Domiziana Saccu e Claudia Fila: ognuna di loro ha saputo dare un valore aggiunto ai miei Carnevali. Grazie a tutte le maschere rionali e frazionali che ho incontrato e conosciuto durante il mio viaggio: è stato un onore. Grazie anche agli amici e al Carnevale di Aranco. Un saluto speciale va al Peru Magunella e alla sua Gin, ma anche a tutto il Comitato carnevale di Borgosesia, sempre cordiale, amichevole e disponibile nei miei confronti. Grazie alla mia famiglia, a mia moglie Valentina e al piccolo Leonardo, che mi hanno supportato e sopportato durante questi tre anni. E infine grazie a voi Varallini: impersonare il nostro Marcantonio, credetemi, non è stato semplice e accontentare tutti purtroppo non è mai così facile, ma io ce l’ho messa tutta, l’ho fatto col cuore e mi auguro di essere riuscito almeno una volta a portare un sorriso nelle vostre case e nei vostri cuori. Grazie per l’affetto che mi avete dimostrato, spero e mi auguro di essere stato all’altezza dell’incarico, sono orgoglioso di aver vestito i panni della nostra amata maschera, sono felice di avere condiviso con tutti voi bambini, anziani, ragazzi disabili, insomma veramente tutti, questa magnifica esperienza. Mi avete insegnato molto, ma adesso mi sembra giusto passare lo scettro a qualcun altro, credo e penso che altri debbano provare le stesse emozioni e le stesse sensazioni che ho provato io, perché ricordate che il Carnevale non è cosa da poco, ma tradizione che vale.

Addio Dughi, addio Falchetti, il vostro Marcantonio Simone per l’ultima volta vi saluta… Grazie di cuore a tutti!

Simone Robichon
Marcantonio 2013-2014-2015

Permalink link a questo articolo: http://www.carnevalevarallo.com/